username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Domani è un altro giorno

Docce fredde, non voglio ancora...
Or è tempo, cessate allora.
Morso il riso, lesione porto...
Ampio squarcio, sfinito, mostro.
Nero l'oggi, per clima, muove...
Ira lascia, sembiante sgorbio.

È conforto, l'ammasso, angoscia?

Uomo dimmi... Parla schietto...
Non, sventura, nell'alma covi?

Albe fùlgide, terso imploro...
Lungo il corso, allo stremo muòver.
Tanto voglio... cotanto cerco...
Rampa in fiore, odorosa essenza,
Ovvio amare, nel dì ch'arriva!

Grane assenti, non più tormenti...
Ivi pòrtan, a me, risorto.
Ove trovo bontate e lieto...
Riecco appare, l'umano core,
Né disprezzo, soltanto amore...
Oh ch'allegro, infinito, espande!

 

2
5 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 05/01/2016 16:38
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua bellissima!
  • Anonimo il 31/12/2015 19:33
    Mirabilmente emozionante. Tanti auguri per un lieto 2016!
  • roberto caterina il 31/12/2015 15:44
    "Uomo dimmi parla schietto", mirabile appello e proposito. Tanti cari auguri Rocco e grazie della tua presenza sempre costante, sempre spontanea e mai sopra le righe...
  • francesco contardi il 31/12/2015 12:45
    Auguri a te Michele per un sereno 2016, e grazie per i commenti alle mie poesie che ci scambiamo quando ho tempo di trascorrere un po' di minuti in questo sito! ciaooooo auguriiii
  • Vincenzo Capitanucci il 31/12/2015 09:04
    dimmi uomo cosa covi nell'anima.. o cosa sta covando l'anima per Te.. soltanto Amore.. che infinito espande.. Auguri Michele.. e cosa augurare a noi tutti.. che domani sia un altro giorno.. diverso da tutti i ieri che abbiamo vissuto.. Auguri a Tutti i Pr.. ed anche a questo Staff.. che ci ha fatto assaporare la libertà dell'anarchia..

5 commenti:

  • Anna G. Mormina il 12/01/2016 14:29
    Michele, dici bene... ma davvero tanto ci costa cambiare questo mondo?... il nostro modo di vivere?... cercando di portare Amore sempre? (questa domanda, la pongo anche a me stessa...)
    Sei bravissimo, complimenti!... un sereno 2016 a tutti!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 31/12/2015 19:25
    DA FACEBOOK:

    Stel Samo - Fine anno è tempo di bilanci e di buoni propositi per il nuovo anno.
    È bene per l'uomo che ci sia sempre un inizio: l'inizio di un nuovo giorno... l'inizio di un nuovo anno... ogni inizio offre una speranza, insieme alla possibilità di voltar pagina. In questo splendido componimento, che io trovo sia tra i migliori che tu abbia mai scritto, insieme al rammarico per la sofferenza... per il dolore patiti, c'è il desiderio leggittimo, che questa sofferenza che ha lasciato un segno indelebile nell'anima, infine cessi. C'è anche il desiderio di trovare sul proprio cammino un'umanità schietta e sincera, con cui confrontarsi... il desiderio di nuove albe, dal cielo terso. È arrivato il momento di avere ciò che per tanto tempo si è desiderato... c'è voglia di leggerezza... voglia di non patire più gli antichi tormenti. Insomma, si apre col nuovo anno la possibilità di una risurrezione... di una rinascita... di una nuova esistenza fatta di bontà, di amore, non più di disprezzo... di gioia... di voglia di infinito... che dirti carissimo Rocco? Il mio augurio è che tutto ciò che tu desideri... tutto ciò che racchiude il tuo cuore, si possa infine concretizzare. Buona fine d'anno, buon inizio e migliore proseguimento! Un abbraccio!
  • Rocco Michele LETTINI il 31/12/2015 17:18
    DA FACEBOOK:

    GIACOMO COLOSIO - Come si può definire questo scritto? Poesia, acrostico, pensiero illuminato e illuminante, aforisma multiplo, saggezza in versi, esternazione di un vissuto, eleganza di intenti introspettivi, positività di una speranza, condivisione di sentimenti? Tutto questo insieme, io credo. Docce fredde non voglio ancora: sublime sintesi di un tormento che il destino crudele ha soffiato su una vita. Or è tempo: cessate allora... ecco la speranza, positiva. E poi questo grande interrogativo, esistenziale: uomo, dimmi, parla schietto, non sventura nell'alma covi? La chiusa di questo Acrostico assai complesso, scritto con abilità stilistica, è a mio avviso un piccolo capolavoro perché c'è la proiezione di un io trascendentale che si infutura in nuove albe di umano desiderio d'amore, il più grande fra tutti i sentimenti, poetici e non.
  • loretta margherita citarei il 31/12/2015 16:08
    buon anno bravo molto musicale
  • Rocco Michele LETTINI il 31/12/2015 07:05
    Il mio augurio di un prospero et lieto 2016 per tutti gli amici e le amiche di PoesieRacconti (Staff compreso).

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0