accedi   |   crea nuovo account

Dio biologico

Spogli del tempo
potremmo finalmente essere innamorati
proporre millenarie semplicità
nuotare in un mare di gioia
sospinti da un Dio biologico

E il grande e il piccolo
il pubblico e il privato
sono abbracci di pienezza
che ascoltano il vento
e guardano le nuvole

E ciò che non abbiamo mai visto
è copia
che colma le domande improvvise
portate dai sogni

o voce che canta con occhi pervinca
le immagini di
rose lente ad aprirsi
all'arcobaleno.

 

3
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 09/01/2016 15:09
    Un poetar che bussa conferme di encomiabile vissuto... Mirabile nella sua arguta seguela... Lieto fine settimana Roberto.
  • Vincenzo Capitanucci il 09/01/2016 09:31
    Siamo rose.. .. onde di pienezza .. un canto lento nell'aprirsi nella vasta gamma dei nostri colori.. dagli infrarossi.. agli ultravioletti..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0