PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lo chiamavano il Buddha ma il suo vero nome era Paul Klee

"Non potendo raggiungere
una parte più elevata del mio corpo

mi afferrai dai piedi

e
con estrema violenza mi feci cadere

con tutte le sue nudità

dal mio immobile piedistallo di marmo

agli occhi salivali dei miserabili

Pudica la bellezza
iniziò
a correre verso il bosco

inseguita da una famelica muta di lupi neri
Anonimo "

Saranno macchie e campiture di granuli maturi
a salvare il mondo

Ma chi è Ma chi è
cantarono in coro le tele i mari le reti ed i cali amari della terra

trafitte da una linea di luce

Lì ne ha Lì ne ha

risposero

in balli
e
danze

le giulive cornici

esplose
nei baldanzosi colori di un punto in movimento e di un cielo senza dimensioni

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 15/01/2016 09:10
    BALLI E DANZE... PER RALLEGRAR QUOTIDIANITA' DIVERSE... MUTATE... ECCEZIONALE SEQUELA VINCE'... SERENA GIORNATA.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0