accedi   |   crea nuovo account

Vanitas vanitatum

In città febbrili e pervertite,
ho condiviso vizi e malcostumi,
l’ansiosa ricerca d'ideale,
di quello che eccelle e che non vale.
Ho accarezzato il desiderio e la paura della morte,
la fuga dalla vita e dalla sorte.
Ho provato a sovvertire fisico e metafisico,
criticato la complessità del pensiero,
le contraddizioni delle ispirazioni.
Goffo e impacciato,
carico di agi e privilegi
ho disprezzato le passioni più comuni.
Le ricchezze e le miserie,
il sole e l’intemperie,
ho assaporato il lusso del vestire e il fasto nell’abitare,
ho degustato il mio tempo:
vanitas vanitatum.
(Vanitas vanitatum….: Ecclesiaste I:2-14)
(2006)

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 16/11/2009 12:50
    un bel ritmo.. e anche molto densa!
  • Gabriella Salvatore il 24/10/2007 17:13
    la fiera della vanità, un vissuto pieno che non si è privato di niente, e ritrovare il piacere delle cose semplici nell'età matura, dopo averle disprezzate in gioventù, molto bella
  • marco moresco il 19/10/2007 18:20
    il bilancio dolce amaro di una vita vissuta pienamente, il falò delle vanità val sempre la pena di farlo dopo... bella e coinvolgente
  • IGNAZIO AMICO il 19/10/2007 15:51
    Profonda riflessione ed anche il resoconto di una vita, di cui ritengo si possa essere soddisfatti ed orgogliosi. Bellissima poesia,
    dal finale un po' amaro.
  • Antonietta Di Costanzo il 18/10/2007 08:38
    ma quanta è bella la città, hai assaporato, cose, che io preferisco ritrovare in paese.. molto poetica, rifllessiva credo che quello che ho scritto nella prima parte non c'entra con la tua splendida, ma mi ha fatto pensare...
  • laura cuppone il 16/10/2007 19:43
    è probabile che dove c'è quella condizione.. l'uomo ne diventa schiavo... come in quella opposta...
    ma essere schiavi della vanità è una delle più comuni "tentazioni" alle quali l'uomo è soggetto..
    il troppo è deleterio in ogni caso...
    bello il passo della Bibbia citato!!
    ciao L
  • francesco scolaro il 16/10/2007 18:00
    Vanitas vanitatum et omnia vanitas. Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0