accedi   |   crea nuovo account

Malato

Sei bianca, bambina.
Non v'è desiderio
che non t'appartenga.
Il tuo fiato ha il rumore
del giglio, il tuo sguardo
le fattezze della voglia.
Sei bianca ma mai troppo
da far innamorare un rivoltoso,
hai linee di luna e conosci
del mondo un posto fatto
per la santità. Il tuo respiro
è una malattia, nient'altro che
un santo malanno che si prende
tutto di me. Questa febbre
d'inverno che mi rapisce, ogni
brivido un bacio, ogni sussulto
una nuova emozione. Sono malato
di te bambina dagli occhi della
notte, malato come l'ultimo dei
lebbrosi, malato come la luna,
che vuole finanche
morire per una tua carezza.
è il tuo amore che mi accompagna,
solitario, acuminato, grigio
come grige sono le nuvole di
questo cielo che mi parla di te.

 

1
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 17/01/2016 22:44
    Poesia delicata e ricca di dramma e d'amore. Bene impostata anche nel susseguirsi delle immagini racchiuse in ogni verso e di contenuto intenso. "grigie"
  • Rocco Michele LETTINI il 17/01/2016 11:30
    Un mirabile quanto adorabile forgiato con dedizi0ne. Lieta giornata.
  • Vincenzo Capitanucci il 17/01/2016 10:21
    sono malato d'anima... come un lebbroso.. che tende le sue labbra alla luce.. per farle guarire..

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0