accedi   |   crea nuovo account

Se... scusa

Se ti ho fatto del male,
scusa ma non volevo, ma è che a volte i confini
non hanno il margine e ci si confonde.

Mi hai accolto nella tua casa, nella tua vita e ora solo un gioco.
Ho indossato dei panni antipatici,
ma me li sono ritrovati addosso,
ma non mi stavano bene addosso.

Non c'erano regole, tu non le rispettavi (giocavi sporco? No, usavi i tuoi trucchi!)
io mi limitavo a comparire e a sparire quando volevo, quando calcolavo,
era il minimo concesso.

Ti ho ferito perché avevi bisogno di un carnefice
pronto a colpirti il cuore,
avevi bisogno di qualcuno che ti buttasse giù.

Scusami ( o ringraziami) tanto, ma tanto
prima o poi, avresti trovato qualcun altro con cui ferirti
( e il sangue che non porta alla morte tutt' al più è sangue sprecato).

 

4
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 24/01/2016 02:15
    e il sangue che non porta alla morte in Amore tutt' al più è sangue sprecato... vivere a fondo...
  • roberto caterina il 23/01/2016 14:20
    Tormento e rimpianto finemente intrecciati con distinguo tra ciò che ferisce e ciò che semplicemente è soverchio.

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 23/01/2016 12:04
    Un amore vissuto in un modo in cui non si voleva;un periodo rimpianto, un sentimento quasi represso perchè non adatto alle situazioni.
    Scusami o ringraziami, t'ho amato.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0