accedi   |   crea nuovo account

Reparto psichiatrico

E dunque io servo
odiando la mia prigione stanca,
il pavimento freddo, la puzza e
il dolore. Io volsi il mio sguardo
al paradiso perduto, lo volsi
tacendo, lo volsi cercando di
trovare un senso nel vuoto di
una stanzetta. Ma non v'è senso
dove l'uomo getta la sua mano
nera, persino una malattia
diventa una colpa, persino
il dolore è più nitido se
causato da un altro.
Non più dolore adesso,
solo un tremore
nel vuoto dell'abbandono.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/01/2016 14:39
    UN TOCCANTE VERSEGGIO FORTE DEL SUO ACUTO FORGIATO. IL MIO SALUTO FERDINANDO.
  • Vincenzo Capitanucci il 28/01/2016 09:24
    volsi il mio sguardo
    al paradiso perduto, lo volsi
    tacendo, lo volsi cercando di
    trovare un senso nel vuoto di
    una stanzetta. Ma non v'è senso...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0