PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ne la fossa dei leoni

Lo eremita fé lo ardito passo,
ne lo su' 'genuo Esse
e se trovò fra le belve ne lo fosso.

Quel che provò tra le fauci aperte,
de cheste creatur pur sempre divine,
fu lo fatto, che stette sempre all'erta.

Inumana fu la fine d'esse sbranato,
mentre esse li baffi andean leccandosi
pe' aver così ben pranzato.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 03/02/2016 10:22
    La realtà è un leone che pian piano lo divora.. avrà trovato lo eremita.. la sua anima divina? .. se no.. inumana fu la fine della vita..
  • Rocco Michele LETTINI il 03/02/2016 10:13
    TERZINE CHE LASCIANO MEDITARE PER LA METAFORICA RIFLESSIONE CONTENUTA... UN PLAUSO DI MERITO DON...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0