username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il confine della notte

Al confine della notte
tu sei la sentinella
vertigine di chi
non è mai nato

Altro non sento che il tuo abbraccio
e pallide falci di luna

Attraverso l'eternità
riesco a immaginare
la mia Storia

Vite di sognatori
che al sogno
non sono mai
approdate.

 

3
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 10/02/2016 13:01
    Un testo introspettivo nel quale, il messaggio sulla sensazione di sentirsi in bilico, accomuna quanti sono affetti da analoga esperienza, in virtù del sognare che allontana l'anima dalla realtà preesistente. Non sempre è possibile approdare nel luogo confacente ai desideri propri. Componimento interpretabile anche da altre angolazioni di lettura. Gradito molto per la suggestione delle poetiche immagini adoperate.
  • Vincenzo Capitanucci il 08/02/2016 10:20
    Sentinelle di una vertigine.. mai approdata..
  • andrea il 08/02/2016 08:31
    Molte le vite dei sognatori mai approdate al sogno caro amico,è la vita...

2 commenti:

  • mariateresa morry il 08/02/2016 16:04
    ciao Vincent... entro per caso e trovo la tua ultima... versi appassionati su ciò che un amore può mettere alla prova, ossia l'uomo che davvero uno si sente di essere nel proprio profondo. Un caro saluto, ciao!
  • silvia leuzzi il 08/02/2016 11:56
    "Vite di sognatori
    che al sogno
    non sono mai
    approdate."
    L'ultima quartina è la perla, l'immagine di noi stessi in forma lirica, o almeno così sento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0