PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

dove giacciono gli amori finiti

Nel sogno sono entrata in un luogo magico :
il posto dove giacciono gli amori finiti.
Se ne stanno tutti là,
uno vicino all’altro.
Tutti diversi e tutti uguali,
alcuni ormai deboli e sbiaditi,
pieni di acciacchi,
altri, ancora colorati ma senza luce,
certi continuano a  lamentarsi e si agitano,
molti dormono sereni e tengono stretti i ricordi più belli,
alcuni si danno la mano anche se sono distanti,
certuni proseguono uno accanto all’altro senza però toccarsi più,
parecchi si curano da soli le ferite.
Ci sono odori forti
di passioni consumate,
di emozioni tenute al chiuso e mai sprigionate;
odo parole sussurrate,
echeggiano le frasi senza senso degli amanti,
la musica delle loro canzoni,
i pianti disperati,
le sofferenze trasudate
Cammino intorno a questi cuori sgualciti,
a queste anime ancora trepidanti,
ai ricordi incelofanati,
alle immagini che si confondono e si sparpagliano,
ai baci che volano via,
alle carezze custodite in una dolce malinconia.
Ogni anonimo amante,
ogni storia semplice,
ogni battito di cuore
fa muovere il mondo
e crea la storia.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

33 commenti:

  • Sergio Fravolini il 06/03/2011 11:04
    Molto bella mi piace.

    Sergio
  • Anonimo il 27/02/2011 13:38
    molto belle le immagini che vengono evocate. complimenti
  • Antonio Pani il 13/01/2011 16:40
    Uno scritto che disegna le percezioni vissute e che "trasporta" in modo efficace. Belle alcune immagini. Apprezzata, a rileggersi, ciao.
  • Anonimo il 07/01/2011 22:18
    Concordo con Angela Verardo, manca dei requisiti di " forma" che fanno "poesia" un testo. Manca di eleganza. Sull'idea non giudico, però a me non piace neanche quella.
  • Stefano Maglione il 27/01/2010 00:26
    Magnifico... Il tuo sogno
  • Donato Delfin8 il 13/11/2009 11:07
    Piaciuta. Semplici e chiare, belle immagini. Però il tutto mi risulta un po' prosastico.
    Brava
  • ANGELA VERARD0 il 03/11/2009 18:51
    Trovo molto particolare l'idea che mi è piaciuta molto, ma penso che possa definirsi un buon racconto... Manca secondo me la musicalità e il costrutto di una poesia. Non me ne volere, ma credo che la richiesta di commenti si presti anche alle critiche sincere.
  • Anonimo il 02/11/2009 15:52
    una bella descrizione delle diverse sfumature che può prendere una storia che finisce. Non so perché mi ricorda le anime dell'inferno dantesco, ognuna diversa, ognuna con la propria storia. Piaciuta.
  • Paul D'Arse il 23/04/2009 16:19
    Perchè veniamo sempre attratti dalle cose impalpabili quali i sogni, l'anima, le passioni, l'amore? mi piace ciao
  • Veronica Crispino il 10/07/2008 09:25
    Gli amori vanno e vengono, ci fanno provare emozioni uniche, vive, intense... ci fanno provare un condensato di turbamenti/eccitazioni che sono il compendio della vita stessa, e fanno muovere il mondo e creano la storia.
    Complimenti, mi è piaciuta molto.

    Ps. grazie pr il commento
  • Elena Ballarin il 25/05/2008 23:38
    sembra di sentirla cantare. ha un ritmo fantastico e un significato che rimane impresso. sapore dolceamaro che adoro.
  • Antonio Pani il 07/05/2008 08:33
    La trovo intensa e profonda. Uno scritto frutto di attenzione, sensibilità, qualità e "spessore". Efficace rappresentazione delle infinite sfaccettature della passione, dell'eros, dell'amore... che muovono il mondo. Brava, complimenti. A rileggersi, ciao.
  • Eleonora Carpitella il 05/02/2008 10:48
    Bellissima! volevo chiudere gli occhi e sentirla leggere dal cuore, ho percorso questo cammino tante volte ma mai sono riuscita a materializzarlo per timore di sentirlo troppo reale. Tu invece ci sei riuscita, hai avuto il coraggio, ci hai trasportato nel tuo "sogno" svelando anche a chi non vuole vedere un mondo che esiste e teniamo nascosto
  • augusto villa il 08/12/2007 23:38
    È grave non averlo quell'angolino!!!... Bellissima poesia Simona, bella come l'amore,... come la vita...
  • Antonello Gualano il 07/12/2007 13:20
    caspita Simo, anche stavolta mi hai colpito!! ma questi versi, però, sono piuttosto difficili. È una poesia che va letta, riletta e ancora letta per essere assaporata ed amata fino in fondo. Molto molto brava...
  • Alessandro Barsottini il 04/12/2007 17:47
    Bella, Simona, si sente la presenza di questi amori. Brava!
    Alessandro
  • simona bertocchi il 14/11/2007 23:58
    ignazio hai capito esattamente quello che volevo esprimere. Mi commuovi!
    Simona
  • Aedo il 14/11/2007 23:32
    Poesia bellissima, che penetra nell'interiorità, suscitando emozioni vitali. Spesso ci chiediamo: dov'è finito il mio grande amore, proprio quello che mi faceva gridare al miracolo e sperare nell'eternità dell'illusione? Ebbene, Simona, la tua fantasia ci ha condotto in un luogo unico, dove gli amori trascorsi possono continuare nel loro sogno, che è vita. Bravissima!!!

    Ignazio
  • lucia cecconello il 14/11/2007 22:03
    molto bella. hai avuto veramente una bella idea ciao
  • Ezio Grieco il 03/11/2007 00:33
    Brava Simona.
    .. piaciuta tantissimo!
    mikelus
  • Cinzia Gargiulo il 01/11/2007 23:09
    Questa tua passeggiata nel luogo dove giacciono gli amori finiti ci regala un'atmosfera surreale e magica che lascia una certa emozione... chi, infatti, non ha nella sua storia personale un amore finito?
    Bella e originale.
    Ciao
  • luigi deluca il 01/11/2007 08:29
    un luogo "magico" come i pensieri di chi lo descrive, con sensibile dolcezza e tenera nostalgia ci dici ancora una volta quanto tu sappia amare l'amore
    gigi
  • simona bertocchi il 21/10/2007 09:45
    non è un cimitero... lettore stai più attento.
    ciao ciao simona
  • Maria Lupo il 18/10/2007 00:23
    Tema ariostesco rivissuto in modo molto moderno, malinconico, personale
  • Ugo Mastrogiovanni il 17/10/2007 08:14
    Tenera e particolare l’idea. Il linguaggio semplice e fluido, sottrae all’abisso dell’oblio e restituisce alla dovuta dignità tenerezze antiche, passate, spesso dimenticate, comunque artefici di emozioni che fecero il loro mondo. Le figure, la ricostruzione scenica, l’immaginazione danno forza alla composizione che, malgrado gli spunti poetici, sa più di prosa che di poesia.
  • Gabriella Salvatore il 16/10/2007 22:59
    mi sembra di entrare in un girone dantesco leggendo questi versi, mi è sembrato di vedere gli infelici amanti Paolo e Francesca, molto suggestiva
  • morena paolini il 16/10/2007 22:44
    Hai reso magico questo luogo!
    Molto bella.
  • Anonimo il 16/10/2007 21:21
    Mi piace tutta sia la stesura, il contenuto e la tua descrizione degli amori finiti.
    Brava Simona.
    Ciao Angelica
  • Michelangelo Cervellera il 16/10/2007 20:29
    la garfica della tua poesia mi rammenta una figura senza piedi per camminare, ... come gli amori finiti. Mi è propio piaciuta l'immagine di questi cuori infranti e desolati. Michelangelo
  • Aniello Nello De Vivo il 16/10/2007 17:34
    complimenti per l'idea che hai avuto, quasi te la invidio
  • Maria Gioia Benacquista il 16/10/2007 15:10
    Molto bella e anche molto triste. Amori sbocciati e appassiti. Quanto dolore nella tua poesia.
    Molto brava Simona.
  • roberto mestrone il 16/10/2007 14:51
    Molto suggestivo questo tuo angolo degli amori finiti... che fanno muovere il mondo...
    Brava Simona!
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0