accedi   |   crea nuovo account

Vecchia sulla panchina al parco

vecchia sulla panchina al parco
fra il verde malinconico d'autunno
sputtacchiar con rumori orripilanti
la faccia ingrinzita la lingua di scuro macchiata
di una badante in compagnia
immobile nella sua rivista leggendo

le foglie dei tigli e dei platani
ancora per un filo appese
scrutano nel cielo un raggio di sole
che oggi tarda a venire
nella veste l'umido della pioggia recente
i colori struggenti della stagione al compimento
ignari due ragazzi giocano alla palla nel canestro
ignari i bibliotecanti la testa china
sui libri del componimento
avvolge un cielo plumbeo di lontana memoria
di intima silente gioia in ornamento
scendono ad una ad una
le foglie dal firmamento

ragazza sei stata nell'aurora in fiore
bella e spensierata d'amore e gioventù
i baci in cuor segreto hai donato
a chi i tuoi occhi ha stregato
d'amore coniugale d'amore materno
i giorni nella collana hai inanellato

fra il verde malinconico d'autunno
avvolge un cielo plumbeo di lontana memoria
di intima silente gioia in ornamento
la faccia ingrinzita la lingua di scuro macchiata
sputacchiar con rumori orripilanti
dei tigli e dei platani
scendono ad una ad una
le foglie dal firmamento

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/02/2016 12:11
    Un percorso vitale... scorso dalle gioie alle malinconie del tramonto. Straordinario verseggio. Lieta domenica.
  • Vincenzo Capitanucci il 14/02/2016 10:18
    e le stelle... come gli anni... divennero foglie..

1 commenti:

  • Piero Simoni il 18/02/2016 17:37
    Grazie Rocco, grazie Vincenzo..!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0