accedi   |   crea nuovo account

Paci diverse: il corpo e il viso

Una presenza
Un passeggiare tra i domini
Con la grazia silenziosa del corpo
Flessibile

Una simpatia che cerca amicizia
Da chi tutto vorrebbe tranne quella
Crudeltà involontaria e furba
Di parole inginocchiate
Che hanno avuto
Molti figli

Un volto
Che organizza feste di paese
Contatto remoto con angeli
Che conoscono sorrisi spettinati

Incontro forse
Di paci diverse.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 20/02/2016 12:06
    che sia sempre il cuore a parlare... a interrogare visi.. e non a ascoltare lingue... Umberto Eco... e non furbe parole inginocchiate... dogmatiche.. senza alcuna flessibilità ..
  • Rocco Michele LETTINI il 20/02/2016 10:55
    PER OGNI NOSTRO COMPORTAMENTO UN ALTERCO O UN PROSEGUIR PACIFICO. QUAESTO EVINCO DAL TUO STRAORDINARIO DECANTO. SERENO FINE SETTIMANA ROBERTO.

1 commenti:

  • roberto caterina il 20/02/2016 12:23
    Grazie Vincenzo, hai capito il senso profondo di quel che volevo dire...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0