accedi   |   crea nuovo account

S'è perduto l'amore

S'è perduto l'amore in un'angoscia sorda.
S'abbrunano le rose sul prato della dimenticanza.
Così dell'amore abbiamo rivelato il lutto di
una morte austera, la stanchezza dell'abbandono,
mille e mille infiniti sangui rabbuiati verso
la terra fredda. L'amore chiama luci gonfie
di una sola necessità: perdurare in eterno.
Ogni distacco è uno strappo alla parola
Dio, una ferita buia del cuore, un'altrove
squarciato nella sua essenza necessaria.
Conoscere la fine vuol dire spezzare un seme
che fertilizza la vita nel suo intimo palpito.

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 28/02/2016 20:28
    Mai certo è l'Amore, la vita accende, il mondo illumina, né scompare. Altrove va.
  • Rocco Michele LETTINI il 21/02/2016 11:11
    UNA SAGGIA ET ESPLICITA AFFERMAZIONE IN DILIGENTI VERSI. SERENA DOMENICA.
  • Vincenzo Capitanucci il 21/02/2016 08:54
    L'amore si è perduto in una ferita buia nel cuore.. uno strappo.. una dimenticanza.. e non vi era nessuna anima viva a donare un palpito di luce... intima..

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 21/02/2016 09:23
    Conoscere la fine vuol dire esserne consapevoli.
    Bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0