accedi   |   crea nuovo account

Mari e muri

I pescatori di Lampedusa
dicono che r-accolgono
tutto ciò che porta il mare
e isola dell'amore è Lesbo.

Altrove invece
di filo spinato
assemblano muri
che strappano gli occhi
e soffocano l'anima.

Hanno creduto alle favole
ma ora sono qui
in giungle senz'alberi
in gabbie sempre più anguste.
Umanità ingannata
stremata
disperata
e ora c'è bisogno di FARE.

S. Martino solo al freddo pensò
e il mantello tagliò.
Il dopo verrà
ma ora si FA.
Tra quei muri d'acciaio
soffrono uomini, donne e bambini,
tanti bambini.

 

1
4 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 24/03/2016 13:00
    Un'anima sensibile come la tua, anco lo diavolo si ferma, l'ascolta e ti decanta.
  • Francesco Andrea Maiello il 10/03/2016 19:12
    ... fuggono dalle bombe... sfuggono agli abissi marini... per ritrovarsi al freddo e sotto la pioggia di fronte a muri di filo spinato! L'Europa è molto attenta solo alle finanze...
  • Nicola Lo Conte il 06/03/2016 21:57
    Umanità senza umanità è ciò che resta di società troppo ricche per ricordarsi cos'è la vita.
  • Vincenzo Capitanucci il 01/03/2016 08:29
    quando i mari non erano circondati da muri.. accoglievano con gioia. .. ciò che portava l'onda... e le nostre spiagge splendevano sempre di nuove sabbie.. ma ora Arianna.. come la nostra anima è stata piantata in Asso...
  • Rocco Michele LETTINI il 01/03/2016 05:08
    VERSI CHE LASCIANO RIFLETTERE... URGE UN CELERE MUTAR... PER DONARE NUOVE ATMOSFERE A CHI SI È LASCIATO NEL BUIO... LA MIA LODE CHIRA E LA MIA LIETA GIORNATA.

4 commenti:

  • Marcelllo Barbuscio il 14/03/2016 13:07
    Se si vuole aiuto bisogna sempre bussare alla porta di chi ha il tuo stesso bisogno. È una verità che la storia ci ha consegnato, e che ancora gli uomini non sono riusciti a modificare. Complimenti...
  • Vincenzo Capitanucci il 01/03/2016 08:52
    in polinesiano Fare.. vuol dire casa.. ed l'unione di due note musicali... Fa-Re..
  • loretta margherita citarei il 01/03/2016 04:53
    è un mondo terribile, dove nn c'è spazio nè rispetto per la dignità umana, brava chira tvb
  • leopoldo il 01/03/2016 00:21
    La disperazione umana, diventata "merce" di scambio, la solidarietà, spazzata via dall'arroganza e dalle paure... bei versi per descrivere tutto ciò Chira. Complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0