PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il quindici di Nisan

Venerdì fuit,
ne lo rosseggiar de lo cielo
tre croci
chiare apparian,
a manca e a dritta,
du ladroni
le cosce rotte
avean de già,
nel mezzo,
lo Fijo de l'omo
l'anema al Padre
avea già dato.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 07/03/2016 17:33
    MERAVIGLIOSAMENTE... CI PORTI ALLA PASQUA... CON SUPERLATIVI VERSI...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0