PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Calipso

Non sempre
una sciagura privata
questo voler lasciar andare
l'amante che si voleva immortale

ma semplicemente
attesa
di un ciclo che ricominci
nell'isola più a occidente del mondo.
Le ninfe
non possono disubbidire a Zeus e al Destino
ma la gioia
è uno sguardo che va oltre
nel lilla che stordisce i pensieri
e fugge per rimanere sempre
istante

Calipso conosce questa immortalità
del presente
e
gli abbagli
i profumi
che non dimenticano oracoli
e incensi.

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/03/2016 10:21
    IL MAESTRO NON SI SMENTISCE... ECCELSO ELABORATO FORGIATO CON ARGUZIA... LIETO FINE SETTIMANA ROBERTO.
  • Vincenzo Capitanucci il 12/03/2016 08:26
    Triste destino quello di Calipso... innamorarsi di.. .. e nessuno volle cogliere la titanica... immortalità che il suo seno offriva..

    la gioia
    è uno sguardo che va oltre
    nel lilla che stordisce i pensieri
    e fugge per rimanere sempre
    istante...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0