accedi   |   crea nuovo account

Calipso

Non sempre
una sciagura privata
questo voler lasciar andare
l'amante che si voleva immortale

ma semplicemente
attesa
di un ciclo che ricominci
nell'isola più a occidente del mondo.
Le ninfe
non possono disubbidire a Zeus e al Destino
ma la gioia
è uno sguardo che va oltre
nel lilla che stordisce i pensieri
e fugge per rimanere sempre
istante

Calipso conosce questa immortalità
del presente
e
gli abbagli
i profumi
che non dimenticano oracoli
e incensi.

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 12/03/2016 10:21
    IL MAESTRO NON SI SMENTISCE... ECCELSO ELABORATO FORGIATO CON ARGUZIA... LIETO FINE SETTIMANA ROBERTO.
  • Vincenzo Capitanucci il 12/03/2016 08:26
    Triste destino quello di Calipso... innamorarsi di.. .. e nessuno volle cogliere la titanica... immortalità che il suo seno offriva..

    la gioia
    è uno sguardo che va oltre
    nel lilla che stordisce i pensieri
    e fugge per rimanere sempre
    istante...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0