PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Greve memoria

Oh sogni
trasparenti ruscelli di luce

venerandi
idilliaci eterei sogni
scorrenti

a nessuna delle nostre ore vissute sfuggiamo

venni preso in affitto temporaneo da immobili sporgenze di roccia

creta
argilla di un istante non cementate ai raggi del sole

trasformate
in un vaso sanguigno con due occhi palpitanti

ogni mattina
risorgiamo dal sonno della notte
riallacciandoci
ad un filo di realtà
carico di ricordi
e
preoccupazioni

tornando
a compattarci in un essere solido

in lotta con il suo destino

di cui vorrei perdere

per un giorno

la greve sponda di memoria

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 22/03/2016 18:38
    Un plauso ben meritato per questa tua eccezionale.
  • Rocco Michele LETTINI il 22/03/2016 12:36
    UN LECITO QUANTO DOVEROSO SBOTTO... INTENSAMENTE GRIDATO...
    LIETO MERIGGIO VINCENZO.

1 commenti:

  • Antonio Tanelli il 22/03/2016 21:50
    Trovo molto originale: "venni preso in affitto temporaneo da immobili sporgenze di roccia" ma peccato che le preoccupazioni non se le porti via la notte. ciao Vincenzo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0