PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Destinazione mattatoio

Puzzo di piscio e merda
nel camion con le sbarre,
piccole feritoie
per annusare l'aria
e per vedere qualche
raggio di sole a scacchi.

Forse ci portano
a brucare l'erba fresca,
forse ritroveremo
le nostre mamme
che ci daranno il latte,
forse avranno fine
le nostre sofferenze.

Ammassati, non ci
possiamo muovere,
ma se davvero il fine
sarà questo, allora
ben venga questo viaggio.

Abbiamo sete, abbiamo fame,
ma non sappiamo come dirlo,
non ci resta che belare.

Qualcuno si abbandona,
qualcuno trema,
qualcuno non respira più,
ma ce la faremo
a riveder le nostre mamme
e prati verdi e sole ed acqua.

Ecco, ci aprono,
ci fanno scendere,
con forza, con rabbia,
in fila, in fila, in fila,
ci spingono, gridano,
ci danno calci e sputi,
ma finalmente siamo
tutti insieme in un
grande stanzone.

Adesso apriranno
quelle porte scure
e lì ci saranno le
nostre mamme
che aspettano ansiose.

Aprono le porte,
ci sono uomini con coltelli,
e sangue, tanto sangue,
fratelli appesi a testa in giù,
il puzzo acre della morte!
Mamma... mamma... mamma...
mam...

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 27/03/2016 07:44
    in quinta agraria... visitai un mattatoio nella provincia di Grosseto.. era la gita scolastica.. un mese dopo mi ritirai da scuola.. ma c'è poco da aspettarci dagli uomini... quanti popoli sono finiti nei mattatoi...

2 commenti:

  • sergio il 28/03/2016 10:46
    mamma... mam... l'urlo rimane nella strozza; è finita. Bella e inquietante
  • loretta margherita citarei il 27/03/2016 04:58
    doloroso destino per degli animali, auguri

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0