username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Viaggio

Come vita che ondeggia
mi cullo al calar del sole
imparando l'oscurità
e la solitudine del cuore

Viaggio intorno ai detriti
lasciati da un giorno di luce
immagini sfocate, pensieri perduti
ho bisogno di te che non ho mai conosciuto

Vita che mi prendi tra le mani
che mi lasci cadere nei sogni
abituati a dissolversi coi primi raggi
io ti chiedo ancora del cibo
e vestiti nuovi, una canzone limpida
e leggera

Tu attraversi veloce questo corpo di cera
quasi avessi fretta di sentire
l'odore asciutto delle mie ossa.

 

3
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 30/03/2016 09:31
    Davvero... davvero, davvero bellissima! Complimenti di cuore Vincy
  • Rocco Michele LETTINI il 28/03/2016 19:42
    UN ESPLICITO QUANTO INTENSO DECANTO. ESPRESSIVO NELLA TERZINA DI CHIUSA.
    LIETA SERATA.
  • Vincenzo Capitanucci il 28/03/2016 09:33
    un andare ... ed ogni giorno che passa.. sembra quasi un viaggio nei c'era...
  • Antonio Tanelli il 28/03/2016 09:10
    Un bel faccia a faccia con la vita, fatto con tatto. quasi un voler tirare le somme che ciò che non è stato e ciò che è. piaciuta.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0