PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ancorata alla noia

Odore di lavanda
profumo di erbe di Provenza
si disperde nelle narici sperse
di chi muore di nostalgia.

Tu non sai se tornerò oppure no,
ma il punto è che non dovrebbe importare,
tutto questo non riguarda te, ma un disegno più grande, il mio mondo intero.
Sguardo sincero e baffi d'attore importante e datato
mentre Nizza sfilava liscia sul mare.

Bianche vele svolazzavano
forse ho sbagliato ad amarti.
Ho solo fatto un film di tele e sogni nella mia testa
e giustamente tu mi hai chiesto, perché?
Cosa volevo tornando?
Sesso? Tu ne avevi così voglia...
era una Francia estiva e stanca morta
quando mi resi conto che nulla c'era stato
se non solo poche macerie sulle quali
io avevo costruito una metropoli, e tu smaniavi un trofeo,
un trofeo che scorgevi nella mia irrequietezza
e imprevedibilità.

Ma io ero solo una casalinga francese
un po' disperata
ma ben ancorata alla noia.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 30/03/2016 11:13
    nella baia degli angeli.. c'era una casalinga ancorata alla noia.. ma non al dolore...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0