username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il letto

Così il letto è stato
l'arena della mia passione.
Quelle dita incurvate come artigli
su quei pochi capelli.
Andavo da lui per scoprirlo di amarlo
e dispendevo la sua dolcezza
nell'aria del deserto
e occupavo lo spazio con discrezione
lo abbracciavo e facevo l'amore
per non parlare.
Dovevo cibarmi di baci.
Adesso sono più stanca di tutto il Creato
cerco di smettere di piangere
giusto il tempo necessario
per fare la mia parte di amante
che confusa
mi aggrappo ad una riva
appena visibile ad occhio nudo.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 30/03/2016 19:29
    UN AMARO PERCORSO DI VITA AFFETTIVA IN UN ESPLICITO VERSEGGIO.
    LIETA SERATA AUGUSTA.

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 30/03/2016 17:04
    Avevi bisogno di nutrirti di baci e fare tuoi quei momenti.
    Una volta svaniti però, hanno lasciato dolore.
    Bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0