PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vanificando versi eletti ( l'Amore ai tempi della collera )

- ma dove sono?... stai tranquillo vecchio mio... sono venti miliardi di anni che sei in coma .. e non sei ancora morto... a ragion veduta di quel frutto d'oro che hai nell'orto.. dal giardino delle Esperidi uscii sazio di speranza e ridendo di ogni mia verdura ... -

Dall'Eden compreso
e
in poi
vani e velenosi sono i fichi della rabbia nati da un pomo di discordia

Fu così
che vidi tutti i miei fratelli di moschea
come mosche cadere
al giungere del primo gelo

Ehi amico
non chiamarmi fratello

Hai ragione
eppure se guardi bene abbiamo gli stessi occhi di nostra Madre e lo stesso membro virile di nostro Padre

Cosi vana
e
assurda è la collera scoppiata tra di noi

che
un Autore del nostro tempo
scriteriato nelle doppie

per descrivere il nostro tempo

scrisse

L'amore ai tempi del colera

e
così ancor oggi son qui ad aspettarti scrivendo versi e profanando letti

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 03/04/2016 17:11
    Un plauso sincero per questa tua straordinaria!
  • Rocco Michele LETTINI il 03/04/2016 12:42
    UN INTELLIGENTE QUANTO ESAUSTIVO VERSEGGIO...
    IL MIO ELOGIO E LA MIA LIETA DOMENICA VINCENZO.

1 commenti:

  • sergio il 03/04/2016 17:02
    bella Vincenzo... scrivendo versi e profanando letti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0