PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Duetti

Debolissima è l'aria che torna
Dal passato con quel ritardo
Del vivere che incanta gli occhi
Di innocenze mai perse. Prima
Di prendere la parola guardo
Donne non conosciute. Il canto
Dell'allodola rassomiglia al loro
Delicato respiro gioioso, bussola
Distante che aggiunge nuovi poli
Disegnati nella mente perché io possa
Dire: Non sparire. Quando la tua mente canta la
Direzione - non conta sapere
Dove si è, ma solo
Dove i pensieri sono custodi
Di spensierati
Duetti.

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/04/2016 11:18
    Note di un incantato duetto.
  • Rocco Michele LETTINI il 05/04/2016 21:20
    "D"... COME DILIGENTE DECANTO...
    RIFLETTERE... SI FA "DOVERE" NEI TUOI ESPLICITI VERSI.
    SERENA NOTTE ROBERTO.
  • Vincenzo Capitanucci il 05/04/2016 13:16
    Dire: Non sparire. Quando la tua mente canta la
    Direzione - non conta sapere
    Dove si è.. si va e basta...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0