accedi   |   crea nuovo account

Basilico

Umor nero
e tristezza
non vanno
tornano se credi
tra le pietre del giardino.
Hanno la voce rumorosa della
fortuna e la voglia incredibile
di affidarsi al riso che cade
per raccoglierne gli ultimi
germogli di suoni
possenti.

Non biasimare chi tace
ma pensa
quando sei cupo
al rumore fresco del basilico
appena tagliato.

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 09/04/2016 10:09
    Si, il basilico spesso fa dimenticar ogni cosa cupa, e il suo odor ti porta immediatamente in cucina a preparar con esso succhi gustosi e genuini.
  • Vincenzo Capitanucci il 09/04/2016 08:02
    bellissima Roberto... pesto.. incupito.. tra i sassi del giardino l'erba del reale... fragranze...
  • Rocco Michele LETTINI il 09/04/2016 04:50
    Una metafora che ti eleva Roberto. Tanto traspare dal tuo oculato decanto.
    Sereno fine settimana.

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 09/04/2016 12:01
    ma che bell'allegoria Roberto, questo basilico di pensiero mi calza. complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0