accedi   |   crea nuovo account

Post scriptum (la purezza )

A fatica
sul selciato della notte
lo sforzo attento consente

il transito

di un passo in più alle spalle
e
di uno in meno sulla via

il soggetto saltando a piè pari il verbo perde l'ombra della sua soggettività e si ritrova nel mare dei complementi oggetti

felice
e
completo

nel ricevere sulla sponda opposta il fiume della sua azione divenuta

quasi una nota musicale

dai riflessi impersonali

 

3
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 20/04/2016 13:13
    Molto bella da meritare il mio plauso tutto.
  • Rocco Michele LETTINI il 20/04/2016 05:30
    UN POETAR CHE RIDONA LA FELICITA' PERDUTA... UNA NOTA MUSICALE CHE MAGNIFICA DAI RIFLESSI IMPERSONALI. SPERO DI ESSERE ENTRATO NEL TUO PENSIERO.
    SERENA GIORNATA.

2 commenti:

  • andrea il 21/04/2016 06:17
    l soggetto saltando a piè pari il verbo perde l'ombra della sua soggettività e si ritrova nel mare dei complementi oggetti
    Minchia Vincenzo, sinceramente leggendo i tuoi versi credo che io abbia ancora tanta strada da fare, complimenti...
  • Gianni Spadavecchia il 20/04/2016 08:42
    Versi che regalano tanto, dalla dolcezza alla felicità.
    Bella poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0