username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Irrequietudini

Affido le membra
al sole d'autunno,
benevolo,
ma ormai lontano.

Piatto prelibato
la mia giornata.
Dietro una teca di vetro.

Osservando, bramo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

26 commenti:

  • elio roberto rinaldi il 10/11/2009 18:40
    bene
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 29/02/2008 18:04
    Cos'era un panino??? Scherzo... la tua poesia riprende gli attimi più importanti di una giornata... almeno per come la vedo io
  • terry Deleo il 25/11/2007 21:42
    Io "osservo" le mie giornate non più tutte uguali, la mia voglia di vivere in un continuo salire verso il sole d'autunno... Molto bella, Augusto.
  • Antonio Pani il 23/11/2007 17:22
    Molto apprezzata. Mi piace questo mix di consapevolezza e "passività relativa". Fa riflettere, bravo. Io l'ho sentita così. Grazie per la tua attenzione e i tuoi commenti, a rileggersi, ciao.
  • sara rota il 17/11/2007 22:02
    Il sole d'autunno è sempre fioco, poco ed affidargli il proprio corpo è coraggiosa. La seconda parte è più "vigliacca" visto che ti nascondi dietro una teca di vetro...
  • luigi deluca il 17/11/2007 17:49
    " osservando, bramo" si, mi capita, fin troppo spesso
    gigi
  • Anna G. Mormina il 15/11/2007 17:09
    ... che bello sentire sulla pelle, il sole d'autunno... non è forte ma ti scalda, piano piano!
    Bella poesia! Complimenti!
    :9
  • Anonimo il 13/11/2007 12:48
    la bellezza del piatto prelibato nel presente da osservare, ma non solo. frantuma la teca di vetro, aggiungi un piatto, sarà la nostra giornata, diversa, imprevista, originale, irripetibile, quella che abbiamo bramato e vissuto (per caso)insieme. bellissima. n
  • ESTER zaniboni il 11/11/2007 19:19
    non ci riuscirò .. mai... a dire in breve frasi quello che tu sei capace di dire.. credi che sia una chiaccherona? si si hai ragione...
  • Lampidibuio il 02/11/2007 14:50
    un modo di esprimerere immagini molto coinvolgente...
  • Michelangelo Cervellera il 01/11/2007 18:28
    Chi brama ama, chi ama vive.
    Molto bella. Michelangelo.

    Maturo? Non scherziamo ragazzi! Dobbiamo ancora cominciare a vivere.
  • CLAUDIO CISCO il 31/10/2007 21:16
    strani versi
  • andrea veneruso il 30/10/2007 09:27
    Bellissima... un sorriso stellina
  • Riccardo Brumana il 25/10/2007 22:48
    il sole che scalda a dispetto di un'aria fredda... piacevolissima sensazione... come la lettura dei tuoi versi, bravo!
  • Anonimo il 23/10/2007 20:05
    Ma come osano chiamarti maturo???
    sei nel pieno vigore della vita dimostraglielo!!! bravo.
  • Anonimo il 22/10/2007 20:26
    Bramare... ci fa sentire vivi!!!
    Bravo molto intensa...
    A rileggerci...
  • marco moresco il 22/10/2007 15:33
    molto bella, Augusto, è come brace sotto la cenere, grazie per i tuoi lusinghieri commenti
  • roberto mestrone il 22/10/2007 10:01
    Profondissima riflessione!
    Il verso finale è stupendo.
    Bravo Augusto!
    Ro
  • enzo napoli il 22/10/2007 09:41
    Breve ed intensa. Una perla da portare in tasca..Ciao Augusto
  • Ugo Mastrogiovanni il 21/10/2007 11:02
    Pensate che con 22 parole non si possa comporre una poesia? Leggete Irrequietudini.
  • Gabriella Salvatore il 20/10/2007 21:06
    osserva, brama e cogli, la vita ha sempre qualcosa da offrire
  • Anonimo il 20/10/2007 11:47
    Sarebbe bello poterti dire, Augusto non osserevare solo, sfama la tua voglia di giovinezza.
    Ma la vita a volte non ti aiuta a sfamare questa voglia, non è sempre possibile soddisfare alcune voglie, allora per non lasciar morire un'anima giovane, bisogna saper godere di piatti prelibati nell'unicità del momento.
    Unica salvezza.
    Ciao Augusto.
    Angelica.
  • laura cuppone il 19/10/2007 12:40
    Augusto..
    anche se maturo.. non smettere di aver fame...
    non desiderare... prendi!
    ciao L

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0