PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Anime in pena

Son tanti in piedi dietro quella porta
visi contriti labbra mordicchiate
un turbinio pensieri d'ogni sorta
stringono il nulla le mani sudate.

Sulla parete un orologio segna
lenti minuti che sembrano inseguire
un tempo astratto che nel silenzio regna
come un momento eterno senza fine.

Dolore acuto un peso dentro al petto
lucidi occhi che guardano silenti
una maniglia lì in sala d'aspetto
il cuor saltella sbattendo contro i denti.

Rompe il silenzio qualcuno si fa forte
cerca di dare infondere coraggio
ma la paura non può confonder sorte
di quella vita che ormai pare miraggio.

Anime in pena si guardano assai affrante
come a cercare un segno di speranza
torna il silenzio in modo impressionante
fa freddo e è buia adesso quella stanza

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 23/04/2016 11:40
    Un plauso ben meritato per questa tua bella. Come vedi io recensio la tua poesia in stile e forma, e non commento il contenuto.
  • Vincenzo Capitanucci il 22/04/2016 05:34
    Quanti piedi dalle labbra mordicchiate.. dietro a quella porta.. bellissima Andrea.. fredda e buia è adesso quella stanza..
  • Gianni Spadavecchia il 21/04/2016 11:01
    Poesia scandita da rime e versi molto ben scritti.
    Legati in maniera ottima tra di loro.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0