PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pandiade (ode alla mia panda)

Canta o dea di Pandicchia le imprese
che su selvagge terre le ruote calcò
e regie trazzere e aspre mulattiere
la sua trazione anteriore domò

Dalle cime innevate dei madoniti monti
lungo il Sosio scrosciante privo di ponti
dall'Etna in tempesta ai Nebrodi in festa
delle vette sicane hai conquistato la cresta

Sull'asfalto rovente per il sole cocente
fra grumi di magma incadescente
sull'acqua che incede, fra neve che avanza
la sua carrozzeria come un fulmine danza

Sui tuoi verdi sedili amici sorridenti
o gambe di ragazze dagli occhi lucenti
se potessero parlare, le tue sospensioni
narrerebbero gran parte delle mie emozioni

Quando sulla Pizzuta sali una sera di Maggio
ma presi una scaffa e spaccai il collettore
tremavano i vetri, scoppiettava il motore
e passò anche la voglia di fare l'amore

Quando per un bacio attraversammo i mari
e allegri e pimpanti arrivammo a Bari
ma incontrammo la coda davanti al casello
e rimasi tre ore a grattarmi il pisello

Quando sotto un cielo che vomitava grandine
andammo ad esplorare pizzo della Rondine
ma punta da un chiodo cominciasti a sbandare
e con la bufera la ruota dovemmo cambiare

Quando certe notti da monte pellegrino
aspettavamo il sole spuntare bambino
là a diverse donne ho baciato la pelle
non sono cambiate solo io tu e le stelle

Ora perchè pandicchia muta rimani
bagnata da pioggia e piscio di cani
più non fischiano i freni, tace il motore
ma fuma soltanto il radiatore

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 13/08/2013 06:26
    Apprezzata.. complimenti.

5 commenti:

  • Cristina Frizzoni il 27/05/2015 21:41
    Divertente, molto! Mi hai ricordato quando incinta di 7 mesi seduta nel sedile sfondato della nostra Pandicchia salivamo l'Abetone. Complimenti Ancora!!
  • gianni cosentino il 17/06/2008 17:27
    è simpaticissima! cogli molti aspetti comuni alla mia esperienza di "pandista"!
    evviva il pandino! evviva la trinacria!
  • Gianluca Soldà il 20/10/2007 12:38
    ... troppo divertente...
  • EKIPS _ il 20/10/2007 03:39
    Ho apprezzato molto l'originalità dell'opera! Le rime le ho trovate fantastiche alcune, un po' forzate alcune altre. Nel complesso però mi è piaciuta, molto simpatica. W la Panda!
    Un saluto.
  • celeste il 19/10/2007 20:28
    Solo noi che abbiamo avuto una "Panda " possiamo capirci. Invece di soltanto avrei messo ancora. bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0