PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Stelle perdute

Nell'amore non desidero
battaglie, fuochi o castelli.
Voglio solo poter scegliere
le scuse cui appropinquarmi a te.
Voglio una mente serena che aneli
alla mitezza di un amore discreto.
Desidero che la spada della maturità
non sfiori mai la mia vitalità
operosa. Cosicché bambino
tu mi possa riconoscere nei miei
colori migliori. Guarda la luce,
è rossa e sa di chitarra; Spogliati.
Ritrovati nuda nella vitalità del
sentimento. Ne ho abbastanza di
stanchezze, occhiaie, futilità
e stantie regole assodate.
So che quando ti troverò
come due onde la cui bruma è
ingoiata dal mare anche noi
affonderemo nel segreto della
nostra intesa, immediati,
luminosi, stelle perdute in un
presente irreversibile.

 

3
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 26/04/2016 13:39
    una lingua "gentile" per una poesia che parla di castelli, spade, sogni e stelle... sublime!

2 commenti:

  • maria angela carosia il 04/05/2016 17:24
    Piaciuta e molto sentita davvero
  • Gianni Spadavecchia il 22/04/2016 11:30
    Stelle perdute in questo presente che viaggia troppo velocemente.
    Stelle perdute e lontane dal resto, ma non lontane tra loro.
    Bei versi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0