PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La La Terra e l'Uomo (Giornata mondiale della Terra)

Nacque l'Uomo
E la Terra ne fu grembo...
L'Essere piano crebbe
e s'impossessò
dei suoi panorami.
Non badò mai se ferite
fossero inferte
alla terrena purezza di origine...
La Terra spesso tremò,
spesso mostrò ira
alle offese rivolte
ai suoi elementi creativi.
Distrusse ma ricostruì sempre
se stessa...
Ora appare stanca
ove l'Uomo abusa svuotandola
della sua innocenza naturale.
Questa Terra ora supplica
il tempo del rispetto
in ogni fase di natura,
per offrire limpidezza delle sue acque,
delle sue forme,
che, solo senza violenze dolose
ovunque sia traccia
dei suoi percorsi,
possa sentirsi ancora
eterna garante di ristoro vitale!

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 23/04/2016 08:18
    Eterna Gala... dal respiro vitale..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0