accedi   |   crea nuovo account

Albero indifeso

Betulla era il tuo nome
notte e giorno a stender fronde
t'adoperavi

L'usignolo in flebile ramo
la reggia aveva costruito
per non turbare la quiete tua

Nella calura estiva
al ritmo del danzante vento
spargevi ombra

Maestosità palesavi
e il bimbo gaudente
al sorriso esortavi.

Che resta
d'intarsiate fronde
negli avviluppati rami?

Poco! L'uomo t'ha preso
una mattina d'inverno
con ardore storpio t'ha reso

Povera mia voce
combattuto ha la battaglia
ma sconfitta mi son vista

Dopo essersi annoiato
l'uomo
ti ha lasciato.

E ora la tua forza ammiro
pur nello strazio fresca esistenza offri
a ciuffi di foglie dei mutilati ceppi.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 23/04/2016 08:13
    molto bella... Maria Rosa... alberi di vita..

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0