PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Natura funambolica

Una melanconica invidia accompagna
o ferma l'interesse per i bastoncini
di incenso da bruciare nei templi
Se tutte le offerte rimangono a
Dio e non ci appartengono
Chiedo un quarto di luna
per incontrare il lago
e quel mio domani
vissuto sempre
ieri l'altro
Non so
se
il
futuro
segua il
senso calante
o crescente dei
ricordi ma mi sembra
che non possa io oppormi
agli incanti che creano segni
o ai sogni dolorosi che non sanno
né comprendono le parole di abbracci
un po' stufi delle nostre ermetiche ossessioni
ma non credo che manchi chiarezza a noi funamboli

 

3
0 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 27/04/2016 13:20
    Il solito piacere della clessidra che tutto dice prima ancora che la sabbia sia scesa del tutto. Bellissima!
  • Rocco Michele LETTINI il 27/04/2016 12:44
    LA MAESTRIA NON È ACQUA... UNA POESIA STRAORDINARIA DEL DESIGN E NEL SAGGIO ELABORARE...
    LIETO MERIGGIO ROBERTO.
  • Ferdinando il 27/04/2016 10:40
    Molto bella Roberto questa tua... sempre bravo... complimenti.
  • Vincenzo Capitanucci il 27/04/2016 09:50
    Se tutte le offerte rimangono a
    Dio e non ci appartengono... chiedo un quarto di luna per illuminarmi la Via..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0