username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La vita dura

Davanti agli occhi
come sempre il buio
della solitudine.

Semmai fossi vivo
nel nuovo giorno,
apatico il ricordo
sarebbe della vittoria
che mi prostra dura.

Cancellerei invano
le prove del danno
sulla lama di luce
che anch'essa arretra.

Custodisce la memoria
il mio dì natale
ché nacqui ad effetto
ad espiare la vita.

 

0
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • AlfaCentauri il 26/09/2016 23:47
    a proposito di LIBERO... che sta prendendo in giro quelli del club poetico con uno dei suoi tanti CLONI... ossia alec18marzo... ossia ale. cose@libero. it... CHE NON SI è TOLTO IL VIZIO DI AUTOCOMMENTARSI!!!
    alias angelo cosentino, studiato per anni nelle sue malefatte... qui una redazione intelligente lo butta fuori... Pro diebus | Poesie in Versi | il piacere di Scrivere e...
  • Don Pompeo Mongiello il 12/06/2016 18:00
    Un plauso ben meritato per questa tua bellissima!

7 commenti:

  • AlfaCentauri il 26/09/2016 23:48
    http://www. clubpoetico. it/home/poesia-in-prima-pagina/130-breve/24545-tu-hai-catene-di-carta

    ahahahha
  • AlfaCentauri il 13/09/2016 13:13
    http://www. poesieinversi. it/pro-diebus/
  • AlfaCentauri il 01/09/2016 23:37
    MA ANDATE TT DALL'O-CULISTA
    ORBI SCRIBACCHINI... è SEMPRE IL CLONE DI MERDA!
    alias angelo consentino che vi sta prendendo per il culo!!!
    e voi cretini, a lodare chiunque pur di elemosinare commenti di scambio!
  • Gianni Spadavecchia il 17/08/2016 15:11
    Una chiusa straordinaria che, secondo me, lascia senza parole.
    Scritta benissimo tutta l'opera.
  • Fabio Realacci il 19/06/2016 14:26
    Arbiter diseguaglianze

    In pubblica via
    ove i rivoli
    di nera sporcizia
    fan saltare il passo
    alzo la voce e grido
    il mio dissenso.
    Passa il poeta
    a tutte le ore
    ignaro a se stesso
    noto a tutti
    per le sue verdure
    o le scarse freddure.
    Credonsi esperti autori
    che han pagato tronfi
    il biglietto della vanità
    eppure brilla sopra tutti
    il patron dell'inetto gioco
    abile a ignorare quant'è vero
    della mente la consumata inerzia.
    Possa la sorte impedirti il male
    protettore al buio d'inutili odi.
  • Ugo Mastrogiovanni il 30/04/2016 12:24
    ... Cancellerei invano le prove del danno... magnifico!
  • Fabio Realacci il 30/04/2016 10:04
    Ho espiato troppo... per rivedere questa poesia edita da PR...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0