PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quattro passi sulla terra

Un giorno Cristo disse a San Pietro
che dici ci facciamo quattro passi
scendiamo sulla terra, chiama un taxi
cosi ci porta un poco avanti e indietro.

Signore dove volete che andiamo,
si, quali posti volete visitare?
l'Italia Pietro tu sai quanto la amo
e gli italiani voglio intervistare.

In Lombardia a due passi da Milano
un uomo trovarono in un angolo seduto
era assai triste e piangeva piano piano
mentre diceva sono rovinato,

che c'è gli disse Cristo cosa t'è accaduto
poggiandogli la mano sulla testa
un incendio tutta la fabbrica ha bruciato
non ho più niente, no niente più mi resta.

Suvvia gli disse non ti preoccupare
con la calma tutto quanto si sistema
un'altra fabbrica in un attimo compare
e tutto quanto torna come prima.

Grazie Signore non sai quanto son contento
gli disse mentre gli baciava le mani
prometto d'oggi in poi sarò più attento
e in chiesa verrò tutte le settimane.

Scendiamo Pietro arriviamo fino a Roma
voglio vedere com'è la capitale
non c'era niente di meglio di sta Croma
tutta scassata e messa proprio male.

Proprio vicino alla fontana di Trevi
buttato a terra tutto malandato
un pianto strano con singhiozzi brevi
una faccia nera, Dio, quant'era incazzato.

Che c'è gli disse il Signore dolce dolce
che t'è successo dimmi dai suvvia
quello si fece il segno della croce
con l'alluvione ho perso la fattoria.

Coraggio gli disse non ti agitare
con la calma tutto si sistema
un'altra fattoria in un attimo compare
e tutto quanto torna come prima.

12

2
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 03/05/2016 10:25
    Molto simpatica nella sua ironia. Letta con piacere e interesse.
  • Vincenzo Capitanucci il 03/05/2016 05:35
    hai inquadrato bene.. Andrea l'animo umano... alle pecor (peccato del cuore ) sue dona la brucellosi...
  • Rocco Michele LETTINI il 02/05/2016 09:41
    UN ORIGINALE VERSEGGIO COMPOSTO DA ARGUTE QUARTINE...
    LIETA SETTIMANA ANDREA
    ****

2 commenti:

  • Maria Rosa Cugudda il 02/05/2016 17:23
    Opera originale, ben stilata e profonda.
  • silvia leuzzi il 02/05/2016 12:34
    Particolare sembra un poema di altri tempi, che racconta i nostri tempi e le persone che fanno questi tempi.
    che ti ho detto Andrea ho giocato con le parole, è il nostro passatempo migliore!
    buona settimana amico

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0