accedi   |   crea nuovo account

Penserò

Agli amici, alla bontà che fa bello
un volto che non lo è,
all'amore che incanta gli occhi.
Penserò al gatto bianco,
compagno dei miei giochi
quando ero adolescente,

alle lunghe ombre degli abeti
nell'ampio giardino di Viareggio.
Mi ricorderò dell'odore del vino
che imbottigliavo insieme a mio padre,

delle canne di bambù, e dei papaveri
intravisti dal finestrino di un treno.
Del rossore delle mie guance
se entravo da sola in un negozio,

delle luci rosse e verdi dell'aereo
lanciato in volo verso Madrid.
Del bello dei diciott'anni
e del profumo del caffèlatte la mattina.

Penserò ai palpiti delle stelle
ed alla prima, timida poesia
che mi nacque nel cuore
quando mi accorsi di amarti.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • augusto villa il 12/08/2016 15:27
    Veramente piaciuta, complimenti... Una poesia che sa emozionare!
    Un caro saluto!!! ---
  • Undulna il 04/05/2016 13:54
    Grazie davvero Bruno, anche le tue creature sono molto belle, ne ho trovate alcune decisamente particolari.
  • Bruno Gasparri il 04/05/2016 13:39
    veramente bella, molto brava, buona giornata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0