PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Interno d'amore

Averti qui, che ti aggiri silente
tra queste quattro mura rosa
che ti vedono primo, ed unico
amante mio meraviglioso.

Averti qui, che sfiori le cose
con quella dolce calma di sempre
che sa nascondere tanto di te,
ma non può farcela con i tuoi occhi ;

averti qui, che dormi tranquillo
mentre, felice, ti guardo sognare,
respirare leggero, o restare
con gli occhi chiusi, da sveglio

a pensare, pensare, pensare...

Averti qui, con la tua pelle
divenuta finalmente la mia,
l'anima tua che mi parla
pur senza parole, e mi dice

che l'Amore, amor mio,
è tutto ciò che la unisce alla mia.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 17/05/2016 15:44
    Un regalo per te se pensi che quella pazza di sirio sia novello Dante, anche se il Sommo Poeta la lancerebbe nel fuoco infernale.
    Non ti accostare a lei...è pericolosa come una folle.


    sirio il 17/05/2016 13:29 [segnala un abuso]
    - è TRANSITO ELETTO
    LA MERDA NEL MIO LETTO -

    ME MISERERE
    Più UN AMICO NON HO

    ED ELENA LA BELLA
    UN CAPPIO AL COLLO MI MISE
    PUR DI NON DARMELA
    PERCHé PISELLO NON HO

    COMPOSTA/SUPPOSTA DI MERDOSI PENSIERI
    CHE NEL'ANIMA (?) CERCO
    ma SERENITà E TRISTRONZA NON trovo
    E LE STELLE NON VEDO Ché SO ORBO

    Mentre BACIO LA MANO ALL'OROLOGIO
    ARCANGELO SE MAGNA IL MIO CULAG

    Così INVOCO ANA CHE STRAPPA l'edera agli archi
    Ma io non rinuncio all'IMMORALITà
    DEI CICLAMINI E SCRIVO L'EPITAFFIO
    - A MI MADRE E MI SORELLA -
    CHE STRONZE PERISCONO DI CACARELLA

    E SEPPELLIR DOVETTI SOTTO L'ALBERO DI PESCO

    NONNA, AMAMI TI PREGO ANCHE SE FACCIO IL CHIERICHETTO
    E UN CHIERICONE HO SUL CRANIO
    PERCHé la tempesta DI SAN GIORGIO I CAPELLI MI HA STRAPPATO

    E PISCIATO SOTTO BAGNAI TUTTO L'ORIZZONTE
    E L'AMICO, L'UOMO MERDA DI IERI, COL PITTOSPORUM si profumò

    Così gli vmitai addosso IL BAILEYS
    TUTTO D'UN FIATO
    E PER MAGIA, GLI SFORTUNATI
    MORIRON DI DOLOR

    PRESI COSì UNA TAZZA DI TIèèèè
    E IL SORRISO DELL'AMICHETTO ARCANGELO
    LUPO CHE BALLA DA SOLO
    SI PERSE E TUTTO ROSSO DIVENTò

    DEH... INCONTRO E NOVITà
    NEL LABIRINTO DEL CIELO
    UN ALTRO UOMO che si scambiava
    per FALSA MUSA
    ma aveva un coso ed era frocio
    e IN QUESTA VITA
    PRESE UN TRENO
    MA CONTAR NON SAPEA
    e prese un giunco ar culo
    per ricordarsi dei BRIVIDI D'INIZIO MESE

    SEDOTTO QUAL NUBE AL VENTO
    AMAI L'OMO
    DOVE ONDE SONO SESSO
    MA HAIMé
    ERA SOLO UN'IPOTESI
    - vi ricordo che pisel non ho!!! -

    Ora, me tapina, GRIDO IL MIO AMOR
    e la PIOGGIA... batte sul cervello che non ho

2 commenti:

  • augusto villa il 12/08/2016 09:50
    Delicata ed intensa, molto bella...
    Se trovi il modo di esprimere l'ottavo verso in un altro modo... diventerebbe bellissima.
    Comunque è bella lo stesso... ma non potevo non dirtelo... Odio la critica quando si limita ai complimenti... Oltre a quelli... la critica deve essere costruttiva anche se a volte non piace.
    Ricordiamoci però che serve!
  • Undulna il 17/05/2016 15:49
    Ovviamente era ironico... l'ho trovata pessima. Grazie del consiglio. Quanto ad una sana follia, la mia ancora non compare, ma esiste...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0