accedi   |   crea nuovo account

Il Regno dei Cieli

Arrampicato
sulla immobilità silenziosa di uno scoglio

guardò le parole nascenti
sotto l 'impulso dei suoi piedi

divenire onde

attratto
e
sospinto

irresistibilmente
da quel fluido melodico
si tuffò

me lo dico sempre

perdere
e
acquisire

la cognizione di se stessi

è
la via più breve per raggiungere le stelle

 

2
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 11/05/2016 09:57
    E poi che importa cosa perdi o hai, se raggiungi le stelle?
    Decanta l'infinito, bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0