PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La croce

Scivola, corre veloce la mente sopra la follia
ti porta a pensare che vivi dentro una favola nella poesia
è il tempo che corre più forte,
ti sfida,
ti supera,
cambia la sorte
Ed io sono qua, dentro una stella
ti cerco ti vedo, ti guardo, ti voglio,
amore mio, come sei bella
ed io sono qua,
oltre la vita,
c'è un muro di pietra, una corona di spine,
e sul petto ho una larga ferita
Sfugge lo sguardo dall'alto, vedo le luci che accendono il viso
ricordo una frase caduta, una parola che avevi deciso
Il limite della ragione, si ferma ad un passo da questa prigione
ed io sono qua, e non cambio la storia
rimango inchiodato alla croce di legno, ho perso la vita ed anche il mio regno
ed io resto qua e tu come sei bella
ti guardo, ti cerco, ti aspetto ti voglio io ero il tuo cielo, tu la mia stella
Cercalo nella poesia il messaggio di queste parole,
non le scrivo di testa mia, sono frasi senza valore
voltati indietro ancora una volta,
c'è bisogno di fantasia
volare senza le ali è un poco come andare via
sparire in punta di piedi, entrare nella magia
c'è un filo di fumo nell'aria:
il sorriso dell'allegria
Oggi è una bella giornata, il vento mi porta via
questa musica scioglie la vita, mi riempie di nostalgia
le parole si alzano lente, si confondono tra la gente.
Musica e armonia, rincorrono la vita mia
quanti ricordi mi vengono in mente era bella la vita in mezzo alla gente
Ed io sono qua, nel mio tempo migliore
aspetto l'inverno col freddo nel cuore,
aspetto l'inverno che non verrà
ed io sono qua, nel silenzio infinito
chissà se mi pensi, se mi vedi davvero,
io sono parte di questo mistero.
Figli di questa terra, siamo schiavi di questa guerra
stare al mondo è una pazzia, vivere, vivere è una folla
Non ci basta pensare al futuro, vogliamo asciugare il presente
siamo stufi di questo giardino, siamo i padroni del mondo e del nostro destino
Vivere senza un'idea è una scelta che non condivido
vorrei essere sempre coerente, uomo giusto nella corrente
i silenzi mi fanno male, preferisco il sapore del sale
Musica e armonia rincorrono la vita mia
quanti ricordi mi vengono in mente
era bella la vita in mezzo alla gente
Ed io sono qua nel mio tempo migliore
aspetto l'inverno col freddo nel cuore,
aspetto l'inverno che non verrà
ed io sono qua, nel silenzio infinito
chissà se mi pensi, se mi vedi davvero,
io sono parte di questo mistero.
Ed io sono qua...

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/05/2016 06:09
    UN LECITO ED ESAUSTIVO DECANTO FIRMATO CON OCULATEZZA.
    LIETO FINE SETTIMANA GIUSEPPE.
    *****
  • Vincenzo Capitanucci il 27/05/2016 14:05
    Siamo stufi di essere confinati in questo giardino.. chiamatelo stato .. patria o nazione ... siamo i padroni del mondo e del nostro destino... ed io son qua dentro ad una stella...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0