username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sei la verità

Sei la verità e la sua negazione.
Mi guardi ma non giudichi,
i tuoi occhi sono eterei
specchi nella notte,
anche tu hai svelato il mio dolore.
Quando ti guardo, guardo me
che fuggo dalla strenua
morte che divora.
Il momento presente è una casa
dove giacciono soli
i nostri cuori ribelli.
Solo tu puoi dare
a questo fluire incosciente del tempo
una dimensione ferma
che ci abbraccia dolcemente
mortificando la caducità.
Sei la verità, la più alta
ed incommensurabile verità
e ti guardo vedendo me
rinascere gioiosamente.

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonino R. Giuffrè il 29/05/2016 11:56
    C'è poco da dire. Sei davvero bravo; il tuo dolore può riscattarsi attraverso la poesia. Complimenti.
  • silvia leuzzi il 29/05/2016 08:47
    Solo tu puoi dare
    a questo fluire incosciente del tempo
    una dimensione ferma
    che ci abbraccia dolcemente
    mortificando la caducità.

    Una poesia ricca di sentimento e d'immagini forti.
    ... ti guardo vedendo me

    estremo.
    Bravissimo Ferdinando buona domenica
  • Vincenzo Capitanucci il 29/05/2016 08:19
    Sei la verità ... e quando Ti guardo con questi occhi.. vedo me..

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 29/05/2016 19:10
    Ti rispecchi guardando lei. Niente di più puro.
    Molto personale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0