PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Che notte quella notte

Da dritta no squillo de trombe lente
da manca na cavelleria avanza
no grido se fissa ne la mia mente
e corpi giaciono in abbondanza.

La follia ci porta all'arroganza
lo sangue da noi pur versato sente
e giustamente vendetta avanza
e al riattacco va immantinente.

Lo giorno cala il suo bel sipario
tutto tace eppure è ben tetro
sotto la luce lunare c'è Dario.

Che io tengo ne lo mio caro diario
deposto con amore sotto vetro
a memoria de la battaglia del rio.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 30/05/2016 09:38
    Dopo un lunghissimo tempo, mi cimento in un sonetto e voi mi ignorate ad oltranza. Se fusse cosa facile lo farebber tutti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0