username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ancora non è finito il pianto

Ancora non è finito il pianto
del vicino Oriente.
Le mani sono case
ostinate e mute
che osservano il disastro
del dolore
possedendone l'angoscia
fin nelle loro unghia.
Quanto continuerà ancora
questa litania?
Mormorava discreto l'imam
che ogni vita passata
è una svolta, un solo
curioso passaggio dal dolore
alla felicità.
Ma io non vedo e non credo,
quello che vedo è questa
polvere sottile
che m'inonda le orecchie.

 

2
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonino R. Giuffrè il 03/06/2016 17:38
    Bella anche questa; ma che fine ha fatto il tuo diario? Vogliamo il seguito
  • Vincenzo Capitanucci il 03/06/2016 06:36
    un pianto che non avrai mai fine finché non troveremo tra le polveri sottili.. gli ori dell'ente..
  • ciro giordano il 02/06/2016 13:58
    Ci sono cicli nella storia, come nella vita delle persone... Ci fu un tempo in cui guardare all'oriente era guardare alla civiltà, ora, per colpe soprattutto non loro, si trovano così... Ma attenzione anche a noi, all'oriente sorge sempre il sole... significativo e coraggioso il tuo scrittp
  • Rocco Michele LETTINI il 02/06/2016 11:22
    Una sentita ed esplicita sequela poetica che mostra le piaghe dell'era contemporanea...
    Il mio encomio e la mia lieta giornata Ferdinando.
    *****

1 commenti:

  • karen tognini il 02/06/2016 11:22
    Tristemente vera...
    molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0