PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Estratto conto

Quant'ann sò passat,
bho,
è tantu tiemp
ca nun'e cont cchiù.
Saccio ca e ricord
songh assaie,
parecchi
o tiemp ll'ha sbiaditi,
e tanti,
nun me ricord manc'chhiù.

Gioie e dolori
se songh avvicendat,
come le Stagioni;
le gioie
se songh'evaporate
senza lascià manc' L'alon,
i dolori,
hann scavat piaghe
dint'o cor.

E jorn sò addeventat
luongh assaie,
e notte
nun passeno maie;
semp a penzà.

Turnass'arret!
Si se potess turnà arret!
Quanti cose cagniass,
quanti cose nun facess.

Ma nun se pò!

O tiemp ormai è scaduto,
chell cà è stat'è stat,
se coglie chell'cà s'è seminato.
A vita nun dà proroghe,
e nun fa sconti;
te lascia sol'o tiemp
e fa l'estratto conto.

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 06/06/2016 06:57
    bellissima... Ezio.. cagniass (cambio assegni).. sono un semi-nato.. di un estratto conto .. dal tratto rosso..
  • vincent corbo il 06/06/2016 05:26
    Quanta verità dentro questa poesia dal sapore amarognolo!
  • Rocco Michele LETTINI il 06/06/2016 04:32
    UN ESAUSTIVO QUANTO DILIGENTE VERSEGGIO...
    IL MIO ELOGIO E LA MIA LIETA SETTIMANA.
    *****

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0