PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Specchio

Muori dalla voglia di rendermi normale
vuoi inserirmi, a forza, nei tuoi cataloghi
ti credi un eroe in procinto di salvarmi
e in tanto è già natale
e le luci, in giro, sono deformi
sono lamiere colorate
aromi di agrumi amari.

Ti guardi allo specchio
e hai la pelle di come sei
guardi la piccola scheggia, sul lato sinistro,
e sai cosa sei.

I posti liberi nel tuo parcheggio della normalità
rimangono liberi.

Critichi tutto ciò che ti circonda e ti fa vergogna
ridi, ridi e ridi
non ti spieghi,
pigli e te ne vai.

Ti guardi allo specchio
e hai la pelle di come sei
guardi la piccola scheggia, sul lato sinistro,
e sai cosa sei.

 

3
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 06/06/2016 20:00
    Ci sono versi che mettono in relazione storie dalle più variegate sfaccettature e questi tuoi sono di questi. Magico dissacrante e dolcissimo ciao Fri

3 commenti:

  • frivolous b. il 15/06/2016 11:34
    ma grazie ragazzi! Che carino... bà, Corbo a dirti l'ha verità Corbo, ho scelto "pigli" semplicemente perché mi sembrava suonasse meglio
  • Gianni Spadavecchia il 07/06/2016 18:46
    Molto bella. Immagini che descrivono l'identità del soggetto della poesia;la scheggia che indica chi è, cosa ha vissuto, cosa ha fatto.
    Davvero ben scritta.
  • vincent corbo il 07/06/2016 05:38
    La poesia è ottima... tu cosa ne pensi di "prendi e te ne vai" al posto di "pigli e te ne vai"? perché hai preferito la seconda?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0