PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Addio

Gioca con me la luce del tuo sguardo,
lieve,
e m'imprigiona in un sogno,
dolce.

Le parole buone, ad accarezzare il cuore,
che vive,
impietosamente ti allontani in una sera,
che non avrei mai voluto vivere.

Quante e quali mani,
gentili,
quanti e quali occhi,
severi,
potranno sostituire le tue mani ed i tuoi occhi.

Quanti cuori di donna,
ancora violerò,
prima di ritrovare il tuo.

Quanti corpi di donna,
ancora avrò,
prima di ritrovare il calore del tuo.

Forse la risposta,
è in un'unica parola...

Addio

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 31/07/2012 15:23
    molto romantica... bella!!!
  • Giusy Grasso il 15/08/2010 11:04
    La fine di un amore è devastante, paragonabile all'elaborazione di un lutto ma, rimanere ancorati al ricordo ci offusca la vista, impedendoci di vedere la possibilità di un altro amore, forse qualcuno è già in cerca del tuo amore e aspetta solo che alzi lo sguardo... Il mio consiglio, se posso permettermi, è ripartire dall'amore per se stessi, il resto verrà da se...
  • Giuseppina Liguori il 13/02/2008 11:46
    belle parole per un'amore perduto, tanta romanticità. Per curiosità, hai provato a dirgli ciò che hai scritto? Personalmente, io non avrei mai lasciato un uomo che mi amasse amata così. Prova a parlargli col cuore e se proprio non va ti consiglio di cambiare strada, le vie dell'amore sono infinite, ciao e a presto
  • Anonimo il 27/10/2007 17:30
    Unica soluzione quando non si può avere più quell'amore è allontanarlo. ma basterà un addio per dimenticare?
    Ho i miei dubbi.
    Ciao Luca
    Angelica
  • Riccardo Brumana il 27/10/2007 17:24
    la perdita del primo amore? lettura godibile.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0