PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Al dolore

Il silenzio quando vuole ti attacca,
senza preavvisi, senza avvertenze.
Spesso è la notte la sua miglior complice,
ma qualche volte ti assale anche in altri momenti.
Il risultato di ciò che porta non cambia però,
sprofondi come un enorme masso nel mare.
Ti senti legato come con delle catene alle caviglie,
sembra quasi non ci sia via di scampo alla tristezza.
E pensi di decidere tu quando crollare?
Pensi che il dolore ti chieda il permesso per venire da te?
Sbagliato, gli attimi sconvenienti ti lacerano,
come una mano che ti afferra il collo e pian piano ti stringe più forte.
Esattamente la stessa cosa,
devi essere bravo e forte e reagire nel migliore dei modi.
Magari dando un pugno al muro o alla finestra,
urlando e cantando a squarciagola.
Scarabocchiando fogli vuoti rimasti lì in attesa di esser scritti,
o stancarti così tanto fisicamente da non avere più forze.
Non importa ciò che farai, ciò che faremo,
si resiste fino ad un certo punto.
Sto imparando che al dolore ci si abitua,
ma non si resta mai indifferenti.

 

2
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 12/06/2016 06:09
    purtroppo il dolore sembra essere la porta del paradiso... ed una volta superata la sua soglia ( quale la soglia che un uomo può sopportare? ) .. si entra ridendo..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0