PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il menefreghista

Ho visto
tre uomini.


Il piangente,
il sorridente,
il menefreghista.

Nel primo
lacrime amare
scorrevano
nelle rughe
come ruscelli.

Nel secondo
strida gioiose
alzavano
dalla bocca
come megafoni.

Per il terzo
passi normali
seguitavano
ne l'istrada
come nulla fosse.

Nessun intenerimento,
nessun appagamento,
soltanto impassibilità!

Solo e sempre.
Ieri,
oggi,
forse domani!

Nell'indifferenza,
ho visto
morire
l'umanità!

 

3
3 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Francesco Andrea Maiello il 14/06/2016 08:29
    ... non ti curar di nessuno, ma guarda e passa!
  • Don Pompeo Mongiello il 13/06/2016 16:43
    Condivisa, ma menofreghista ormai siam tutti, anche perchè mi è capitato di tendere la mano e mi son trovato con la rivoltella al cervello puntata.
  • roberto caterina il 13/06/2016 13:10
    Sì, l'indifferenza è una brutta bestia...
  • Vincenzo Capitanucci il 13/06/2016 10:14
    ho visto
    morire
    l'umanità!... e me ne sono fregato.. a mia volta fregandomi.. ora rido e piango... nel ruscello dell'inesistenza..
  • andrea il 13/06/2016 09:17
    è sempre stato così , ottimisti e pessimisti con nel mezzo i menefreghisti e mentre l'umanità muore chissà chi vive meglio?

3 commenti:

  • Sandra Checcarelli il 24/06/2016 08:36
    Bella questa tua... è proprio vero ciò che hai raccontato e succede quasi tutti i giorni
  • Rocco Michele LETTINI il 14/06/2016 03:11
    DA FACEBOOK:
    Stefania Balsamo - Questa tua, è semplicemente meraviglosa. Attraverso questi splendidi versi hai saputo esprimere una grande verità, che io condivido in pieno: vada l'allegria, vada anche il pianto... la tristezza... che sono tutte emozioni, che rendono vivo l'essere umano... ma l'indifferenza è proprio una iattura per tutta l'umanità. Se non fosse ahimè tanto diffusa... purtroppo, sempre più ... il mondo sarebbe indubbiamente un posto migliore e più equo. Che poi, l'indifferenza, in un mondo sordo ed insensibile al dolore... diventa contagiosa... essa infatti, è come una sorta di anestesia dell'anima, da cui è davvero difficile risvegliarsi, anche perché a livello di chi muove le fila, non c'è nessuna volontà, in tal senso.
    Grazie a te, per lo spunto di riflessione offerto e buona giornata!
  • Gianni Spadavecchia il 13/06/2016 08:48
    Vero, un po di umanità appassisce ma non tutto muore.
    Alla fine ci sono sorridenti e piangenti capaci di provare emozione.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0