accedi   |   crea nuovo account

Risucchio di vela ( Abitare una parola)

Abitare una parola
è
vivere su un veliero naufragato in discorsi di cielo tra nuvole punteggiate di tempeste e vortici di sole

le vocali aperte
sono onde desiderose

di proseguire all'infinito con piedi a castello

quelle chiuse gomene
tiranti ancore su consone consonanti di porti senza risucchi di vele

cercanti di sfuggire
agli imperativi melodici di un agitato lacerato cuore

partente
e
non partente

per essere già giunto

a follia d'Amore

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

.. dolce è il naufragare nel mare di una parola.. apre mille boccaporti..


2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 14/06/2016 08:08
    tu non le abiti le parole, le costruisci, un vero ingegnere o ingegno della parola, io invece rimango senza parole, complimentiiiiiiii
  • Don Pompeo Mongiello il 14/06/2016 07:56
    Mi associo a Rocco e ti faccio i miei complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 14/06/2016 07:49
    ORIGINALE ED ESAUDIENTE VERSEGGIO... LA METAFORA PER TE DISCORRE CHIARAMENTE E... LASCIA PARLARE LA VERITA'.
    IL MIO ELOGIO E LA MIA LIETA GIORNATA VINCENZO.
    *****

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 15/06/2016 15:36
    Strepitosa. Tutta.
    Bellissima soprattutto la parte iniziale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0