username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Alle sette del mattino

Quando attacco alle sette
Rimandar devo il bisogno
Che a parlarne mi vergogno
Son postale da pirolette!

Sbuffo, mi lamento e stringo
Sembro una partoriente
Che il pargolo teme di perder accidentalmente
Convulsamente trattengo, soffio e spingo!

Il tornello mi pare un miraggio
Se mi perdesse qualcosa rischierei il pestaggio
Pian, piano, arrivo al bagno dolorante
Sembro d'un altro mondo l'abitante!

La tazza è una bocca gigante
Sopravvivo a quest'aria soffocante!

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Carmine Impagnatiello il 14/06/2016 19:21
    Della serie "quando la bisogna chiama"... Un testo esilarante assai gradito.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0