username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I vostri dei

No! non sono anche miei
i vostri dei, posticci dei
traslati in innumerevoli statue,
inanimate,
che come tombe, da secoli dimenticate,
custodiscono le spoglie d'una fede morta

annosa sciagura l'allucinata investitura;
sciamani recitano mantra
al passo di propiziatorie danze
cercando il favore degli spiriti,
per celebrarsi capostipiti
di alienanti viaggi in paradisi artificiali

cicliche apocalissi minacciano l'umanità,
pulpito prediletto di falsi profeti,
consumata apostasia, in fastosi baccanali,
con l'apologia sul sesso;
apoteosi della credulità popolare

ostinato chi rimette la propria sorte
nelle cuspidi mani della superstizione,
interpellando poi ansioso, l'occulto;
la fosca chiaroveggenza d'indovini,
ultra devoti al dio denaro

con fuochi fatui di devozione
in onore a remote congiunzioni astrali,
qualcuno cerca scampo nel destino
se impotente è esposto,
al personale diluvio universale

nel marasma quotidiano, di tanto in tanto,
s'odono biascicare cantilene di rosari,
che puntano dritte al cuore dell'uomo
vittima e preda d'ignobili desideri.
rifuggo i vostri dei!
mentre esausto eseguo, esorcismi d'amore.

 

1
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 21/06/2016 12:46
    Molto piaciuta da meritare il mio plauso tutto!
  • Vincenzo Capitanucci il 18/06/2016 08:05
    le cantilene dei rosari.. son così simili ai mantra... bussano alle porte chiuse dalla mente.. per ricevere un po' si sole..
  • Fabio Realacci il 17/06/2016 17:03
    ... esorcismi d'amore... Ecco la giusta risposta.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0