accedi   |   crea nuovo account

Circasso

I Circassi sono un popolo guerriero, feroce e crudele, abitanti dell'omonima regione vicino alla Mongolia. Da essi, si crede, debba nascere l'Anticristo. Questo nomignolo mi fu affibbiato, circa un secolo fa, dal primario di mio fratello, sia per i baffi spioventi in mia dotazione, sia per il mio carattere deciso, franco e, a volte, anche crudo. Dall'avvento di internet l'ho scelto quale mio nickname. Mi presento :

Buon giorno a tutti voi, signori miei,
Circasso è il nick che mi rappresenta,
giammai felice io sopporterei
che tale nome il core vi spaventa.

Son pacioccone, allegro, tenerone,
di ironia faccio uso assai.
Sarà che sono un grande, buon terrone
Scrivo, verseggio e non mi fermo mai.

Solo che quando uso sta boccaccia
mi piace dire quello che ho in testa
Dico qualsiasi cosa che mi piaccia,
purch' essa sia una cosa onesta.

Se sbaglio chiedo scusa e non m'arresta
cercare di capir dove sbagliai
per scatenare questa gran tempesta,
se la diritta via abbandonai.
Parlo italiano, romano e calabrese,
a volte penso d'essere uno spasso.
Verità cerco, quelle disattese
dileggiar spero... almeno... se non scasso!

Ridete allor di frasi fraintese,
non amo esser il solito gradasso,
Per chiarimenti io non bado a spese
In fondo sono io... sono Circasso.

 

3
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 24/06/2016 08:37
    Un autobiografia del proprio ceppo genealogico mirabilmente in versi...
    Lieta giornata.
    *****

4 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 14/09/2016 15:36
    che Circasso dovevi scegliere Romanasso
  • Gianni Spadavecchia il 26/06/2016 17:25
    Poesia carinissima e ritmo scandito dall'uso ottimo delle rime.
    Benvenuto! In fondo siamo tutti un po' guerrieri.
  • vincent corbo il 26/06/2016 06:55
    Gli Adighè erano rossi di capelli e snelli. La società matriarcale e le loro donne combattevano al fianco dei mariti. Furono sottomessi dai russi e nel 1864 vi fu il genocidio dei Circassi. Il loro punto debole? la mancanza di unità.
  • silvia leuzzi il 25/06/2016 11:02
    ahahahh ma sei uno spasso, Circasso e se fai un gran fracasso non è poi un gran male quando si ha, come tu l'hai, la grandezza dell'umiltà di chiedere scusa e di mandare un saluto a tutti belli e brutti.
    Ho giocato con le rime per dire che sei un grande, ti piace amichetto mio?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0